-Giallo in libreria-

“In una sera di Marzo, mentre fuori il sole comincia a sciogliere i cuori ibernati dal freddo inverno, accade che alcuni personaggi dei libri si ridestino dalle pagine ingiallite per fare visita alla Storytelling Libreria Sala Da Tè

Ma la serata prende una piega inaspettata. Mentre vengono sorseggiati tè e infusi, in un clima conviviale, improvvisamente la libreria si tinge di GIALLO!

Tra i libri si consuma un omicidio.

Ogni personaggio ha un movente.

Pennywise incarna le paure, Emma Bovary si sente giudicata, Jay Gatsby offeso perché la libraia non è mai andata alle sue feste, Romeo e Giulietta non sopportano che lei preferisca altre tragedie alla loro. Annie Wilkes non trova il libro del suo autore preferito e Mr. Hyde cerca la sua pozione. Anna Karenina è gelosa e Scrooge non tollera che a Marzo ci sia ancora una stella di Natale in libreria. Mattia Pascal teme che la sua fuga possa essere sabotata.

Ma… CHI HA UCCISO LA LIBRAIA?

Emma Bovary ci ha tentato. Ha provato a farle assaggiare il suo tè corretto al veleno; ma Jay Gatsby che ha visto tutta la scena è intervenuto, salvando la libraia.

E intanto Pennywise si aggirava nei paraggi.

Anche Annie Wilkes ci ha provato: non trovando il libro del suo autore preferito, in un impeto di rabbia, ha scaraventato a terra diversi libri, scagliandone uno anche contro la libraia. L’ha mancata per un soffio, colpendo però Scrooge che in quel momento stava accanto alla stella di natale. I due sono poi andati via insieme (?).

E intanto Pennywise si aggirava nei paraggi.

Anna Karenina non ha retto alla gelosia ma invece di uccidere la libraia ha deciso di farla finita scappando dalla libreria e andando a prendere (in faccia) il treno Iglesias-Cagliari delle 19.15 al binario 1.

Romeo e Giulietta hanno capito che l’unico modo per contrastare la rabbia è…l’amore. Così si sono appartati sul retro ma prima hanno nascosto un libro (L’imputato).

Mr. Hyde è troppo impegnato a cercare la sua pozione per accorgersi di quello che accade intorno a lui.

Intanto la libraia riconosce Mattia Pascal e decide di scrivere una lettera a sua moglie, Romilda, per informarla del fatto che lui si trovi in libreria. L’uomo se ne accorge e tenta di bloccarla ma lei scappa accartocciando la lettera tra le mani. Mattia Pascal la insegue per ucciderla, sta per strozzarla, e questa volta la paura è davvero troppa.

I contorni sfumano alla vista e la libraia si accascia. Muore di spavento ma soltanto dopo aver visto per l’ultima volta Pennywise che si aggirava nei paraggi”.

E’ trascorsa così la giornata di ieri, 7 Marzo, alla Storytelling di Gonnesa. La libreria, in collaborazione con l’Argo Circolo Letterario, ha organizzato il “Giallo in libreria”, una serata dedicata all’ospite d’onore, Eleonora Carta, che ha presentato il suo saggio edito da Graphe.it, “Breve storia della letteratura gialla“.

Il resto è stato tutto un gioco di ruoli, di personaggi saltati fuori dai libri, di indizi ed enigmi, tra un bicchiere di vino e un muffin al cioccolato.

Quella che doveva essere una gara spietata è diventata un bellissimo gioco di squadra che ha visto gli ospiti interagire e soprattutto RIDERE.

Perchè questa era la parola d’ordine, la prima regola da rispettare. E non è stato difficile. Quando si gioca e si torna un po’ bambini ogni cosa assume una sfumatura divertente e colorata, in questo caso, di giallo!

Leave a Reply